joi, 8 iunie 2017

1984 by George Orwell - book review / recensione del libro / recenzie de carte

Dragi cititori,
Astazi revin cu o postare despre literatura, despre o carte care a suscitat interesul meu imediat ce am citit descrierea si care nu m-a dezamagit nicidecum. Ba mai mult recomand aceasta carte tuturor cititorilor de literatura serioasa intrucat aceasta carte este o piatra miliara a literaturii internationale. Cartea se numeste 1984 (anul nasterii mele :P) iar autorul este George Orwell desi cred ca trebuie sa va informez ca acesta este doar pseudonimul folosit pentru a publica, numele adevarat al scriitorul fiind Eric Arthur Blair, scriitor de origine anglo-indiana nascut in 1903 la Motihari in Bengala. Dupa ce a servit in armata imperiala, experienta care l-a traumatizat, autorul decide sa emigreze in Europa pentru a-si descopri originile. In Europa participa la numeroase revolte, se inscrie chiar in partidul comunist din Spania iar atunci cand i se neaga participarea la cel de-al doilea Razboi Mondial datorita unei rani precedente, se inroleaza in Militia Teritoriala Home Guard in 1940, colaborand cu diferite reviste si ziare propagandistice, traind experiente ce le putem regasi in romanul sau de capatai 1984. Romanul 1984 a fost scris intre 1946 si 1949, un an mai tarziu scriitorul stingandu-se din viata la Londra probabil datorita tuberculozei. 1984 este un roman avangardist care chiar de la primele pagini te uimeste datorita capacitatii extraordinare a scriitorului de a prevedea viitorul si ceea ce umanitatea traieste astazi. Desigur, el isi imagina aceste actiuni in 1984 intr-o lume impartita in 3 puteri mondiale mereu in conflict si intr-o Londra comunista in care Ministerul Adevarului prin intermediul Psihopolitiei teroriza cetatenii. Chiar daca Londra nu a fost niciodata sub influenta comunista, oricine a trait intr-un stat comunist in trecut nu poate sa nu recunoasca tehnicile cu care militiile terorizau si spionau locuitorii precum si politica de rationalizare a produselor alimentare si nu numai dar si propaganda si falsificarea mediatica de care pertidul se servea pentru a manipula cetatenii. Lasand la o parte pentru un moment sfera comunista, acest roman m-a umit prin capacitatea cu care autorul a prevazut momente pe care noi efectiv le traim astazi de la Big Brother, entitatea suprema care spioneaza orice activitate de la ceea ce se scrie pana la ceea ce o persoana gandeste, la aparatul prin intermediul caruia individul dicteaza calculatorului ce sa scrie, lipsa de privacy, tehnicile de manipulare si falsificare mediatica a evenimentelor, tehnicile de spionaj prin intermediul aparaturii electronice din dotarea unei persoane, politica de salbaticire a populatiei cu programe televizive si modul in care limba a evoluat renuntand la unele cuvinte complexe si bogate de sens pentru cuvinte mai practice dar limitate. Personajele acestui roman preconizeaza ca limba va evolua in asa fel incat toate operele literare de capatai vor fii rescrise pentru a fii pe intelesul contemporanilor distantandu-se enorm de la forma, scopul si sensul lor original. Cartea impresioneaza mai ales prin logo-ul partidului: Razboiul e pace, libertatea e sclavie, ignoranta este forta cat si prin Ora de Ura in care persoanele erau incurajate sa isi manifeste cat mai vehement ura si furia impotriva dusmanului cu care Oceania era in razboi in acel moment, care constinuia si un mod de defulare a conflictelor interioare cauzate de neajunsuri, nemultumiri si revoltari tacite. Autorul descrie o societate imbestialita, asemeni societatii din evul mediu care asista in scop recreativ la executii care nu este departe de ceea ce socitatea este in ziua de azi prin exaltarea la stirile ca bombardamente asupra natiunilor considerate inamice au provocat numeroase decese printre civilii nevinovati. O societate in care gandul nu mai exista pentru ca gandirea devine superflua, memoria este abolita prin tehnici de manipulare, oamenilor ramanandu-le doar sentimentul conflictual ca le lipseste ceva si ca sunt defraudati este usor observabila in ceea ce traim si noi in acest moment fiind pana la urma un fel de adevar universal. Cat despre personajul principal, Winston Smith, trebuie sa spun ca de la inceput nu mi-a placut in mod deosebit si cu cat avansa lectura cu atat imi placea mai putin. L-am gasit un personaj egoist in relatia sa cu mama si sora, misogin datorita modului in care vedea si judeca femeile si chiar atunci cand a avut confirmarea ca ideile sale erau gresite era oarecum nesigur si șovăitor in fata unui sentiment de dragoste neasteptat. Winston Smith se consoleaza in ideea ca trebuie sa faca ceva eclatant, ca trebuie sa rastoarne partidul asociindu-se in acest scop unei miscari revolutionare secrete care ii cere sa isi sacrifice viata, viata persoanelor dragi, sa ucida persoane nevinovate pentru binele miscarii, sa minta, sa distribuie droguri, sa incurajeze prostitutia, sa corupa mintea copiilor si sa isi piarda identitatea fara sa aiba in schimb nici o certitudine decat aceea ca moartea va fii certa. Toate acestea sunt vazute dintr-o alta perspectiva de celalalt personaj principal, Julia, o tanara membra a partidului si a ligii Antisex care ura din toate puterile politica partidului si care se indragosteste de Winston asociindu-se si acestei lupte de rasturnare a partidului chiar daca viziunea sa este mai pragmatica, fiind interesata de ceea ce poate avea concret in mana, de beneficii si neangajandu-se in lupte sau idealisme fara o baza certa. In fata intrebarii daca sunt dispusi sa se separe si sa nu se mai revada daca interesele miscarii o cer ea raspunde categoric NU in timp ce el este indecis pentru ca in final, probabil ca o modalitate de a confirma dragostea marturisita dar nu simtita pe deplin sa raspunda si el nu. Julia este indiferenta in fata personajului Goldstein care ar fii la originea acestei miscari precum si a cartii pe care acesta ar fi scris-o pentru a motiva rascoala impotriva sistemului datorita probabil spiritului sau pragmatic sau datorita poate senzatiei ca aceasta miscare este falsa, ea un membru activ al partidului cunoscand mai bine decat el subterfugiile de care acesta se foloseste pentru a obtine ceea ce doreste. Winston e un idealist si chiar in fata torturii in urma capturarii se agata de idea de adevar si de iubire la care renunta in momentul in care este confruntat cu teama sa cea mai groaznica. Tehnica de dominatie a partidului nu este impusa doar prin intermediul torturii, O’Brien, un membru de capatai al partidului il avertizeaza pe Winston ca ceea ce nu vor obtine prin intermediul torturii o vor face prin umilire si recompensa, cea din urma functionand in cazul lui Winston. In scena finala dintre cei doi, dupa eliberarea din ghearele partidului, ambele personaje sunt profund transformate de acest eveniment, Julia fiind insa singura care verbalizeaza concretetea faptelor comise pentru a-si salva viata, si anume tradarea, Winston ramanand in continuare in plan idealistic pana in scena finala pe care va marturisesc ca incerc in continuare sa o rumeg pentru a o intelege mai bine sau mai bine spus pentru a intelege resorturile psihologice care au stat la baza acesteia. In concluzie vreau doar sa recomand aceasta carte, nu o luati ca pe o lectura lejera pentru ca nu este, va recomand sa va pregatiti psihologic pentru o astfel de lectura din care veti iesi in mod sigur imbogatiti cultural si personal, eu cel puin asa am trait aceasta lectura. Romanul este plin de sarcasm si ironie, de exemplu Ministerul Adevarului este cel ce se ocupa de falsificarea realitatii si evenimentelor, Ministerul Abundentei este cel ce se ocupa de reducerea ratiei de alimente si alte produse, Ministerul Pacii se ocupa de razboi, iar Ministerul Iubirii se ocupa de spionarea si tortura cetatenilor. Veti crede ca ma regasesc in aceasta carte si datorita experientei mele de viata, crescuta fiind intr-o tara sub regim comunist, si nu va inselati pentru ca tocmai datorita acestui fapt pot sa confirm ca tot ceea ce este descris aici ca tehnica a partidului este realitate si in mod sigur acest lucru a fost un factor decisiv in alegerea acestei carti. Pentru cei ce nu s-au confruntat cu o astfel de experienta unele lucruri pot parea incredibile tocmai de aceea in scop stiintific incurajez aceasta lectura. Incurajez aceasta lectura in special pentru ca suntem homo sapiens sapiens si trebuie sa invatam sa decelam mijloacele de manipulare cu care suntem bombardati de dimineata pana seara si mai ales in speranta de a evita ceea ce autorul acestei carti prognosticheaza pentru viitorul umanitatii.  


ITALIANO

Cari lettori,
Oggi torno con un post sulla letteratura, su un libro che ha suscitato il mio interesse non appena ho letto la descrizione e non mi ha deluso affatto. Inoltre consiglio questo libro a tutti i lettori di letteratura seria perché questo libro è una pietra miliare della letteratura internazionale. Il libro si chiama 1984 (l'anno della mia nascita: P) e l'autore è George Orwell, anche se penso che devo informarvi che è solo il pseudonimo usato per la pubblicazione, il vero nome dello scrittore essendo Eric Arthur Blair, uno scrittore anglo-indiano, nato nel 1903 a Motihari nel Bengala. Dopo aver prestato servizio nell'esercito imperiale, esperienza che lo ha traumatizzato, l'autore decide di emigrare in Europa per scoprire le sue origini. In Europa partecipa a numerosi rivolte, s'iscrive anche il Partito Comunista di Spagna e quando gli viene negata la partecipazione alla seconda guerra mondiale a causa di un infortunio precedente, si arruola nella milizia territoriale Home Guard nel 1940, collaborando con varie riviste e giornali di propaganda, vivendo esperienze che possiamo ritrovare nel suo romanzo principale 1984. Il romanzo 1984 è stato scritto tra il 1946 e il 1949, un anno dopo lo scrittore si spegne a Londra, probabilmente a causa della tubercolosi. Il 1984 è un romanzo futuristico che fin dalle prime pagine stupisce grazie alla grande capacità dello scrittore di predire il futuro e ciò che l'umanità sta vivendo oggi. Certo, lui sta immaginando queste azioni nel 1984 in un mondo diviso fra tre potenze mondiali sempre in conflitto e in una Londra comunista dove il Ministero della Verità attraverso la Psicopolizia terrorizza i cittadini. Anche se Londra non è mai stata sotto l'influenza comunista, chiunque ha vissuto in uno stato comunista in passato non può che riconoscere le tecniche che le milizie usavano per terrorizzare e spiare le persone, la politica di razionamento del cibo e non solo, ma anche la propaganda e la falsificazione mediatica di cui il partito si serviva per manipolare i cittadini. Lasciando da parte per un momento la sfera comunista, questo romanzo mi ha sorpresa per la capacità con cui l'autore ha previsto i momenti che effettivamente viviamo oggi, dal Grande Fratello entità suprema che spia qualsiasi attività da ciò che una persona scrive a ciò che lei pensa, l'apparato attraverso cui gli individui dettano al computer cosa scrivere, la mancanza di privacy, le tecniche di manipolazione e falsificazione degli eventi e dei media, le tecniche di spionaggio attraverso dispositivi elettronici che l'individuo possiede, la politica di imbestialire la popolazione con programmi televisivi e il modo nel quale il linguaggio si è evoluto rinunciando a parole complesse e ricche di senso per parole più pratiche ma limitate. I personaggi di questo romanzo prevedono che la lingua si evolverà in tal modo che tutte le grandi opere letterarie saranno riscritte per essere comprese dai contemporanei prendendo distanze enorme dalla forma, lo scopo e il significato originale. Il libro impressiona soprattutto per il logo del partito: La guerra è pace, la libertà è schiavitù, l'ignoranza è forza ma anche per l'ora di odio, in cui le persone venivano incoraggiate a manifestare l'odio e la rabbia in maniera veemente contro il nemico con il quale l'Oceania era in guerra al momento in modo da poter dare sfogo ai conflitti interni causati da carenze, rimostranze e rivolte taciute. L'autore descrive una società imbestialita, come la società del medioevo dove si assisteva a esecuzioni a scopo ricreativo il che non è lontano da quello che è la società oggigiorno con l'esaltazione davanti alle notizie che bombardamenti su nazioni considerate nemiche hanno causato molti morti fra civili innocenti. Una società in cui il pensiero non esiste più perché pensare diventa superfluo, la memoria è abolita da tecniche di manipolazione, alla gente restando ancora solo il sentimento conflittuale che manca qualcosa e che vengono truffati, è facilmente osservabile anche in quello che viviamo noi adesso e costituisce alla fine una sorta di verità universale. Per quanto riguarda il protagonista, Winston Smith, devo dire che fin dall'inizio non mi è piaciuto particolarmente e con l'avanzare della lettura mi piaceva sempre meno. L'ho trovato un personaggio egoista nel suo rapporto con la madre e la sorella, misogina a causa del modo in cui vede e giudica le donne e anche quando ha avuto la conferma che le sue idee erano sbagliate era un po 'incerto e titubante davanti ad un sentimento inaspettato di amore. Winston Smith si conforta nell'idea che bisogna fare qualcosa di eclatante, che deve ribaltare il partito associandosi a questo scopo a un movimento rivoluzionario segreto che gli chiede di sacrificare la sua vita, la vita delle persone care, di uccidere persone innocenti per il bene del movimento, di mentire, distribuire droga, incoraggiare la prostituzione, corrompere le menti di bambini e rinunciare alla sua identità senza avere nessuna certezza tranne quella che la morte sarebbe certa. Tutte queste cose sono viste da un altro punto di vista dell'altro personaggio protagonista, Julia, una giovane membro del partito e della Lega Anti-sesso che odiava con tutte le forze la politica del partito e che si innamora di Winston unendosi anche a questa lotta per il rovesciamento del partito, anche se il suo punto di vista è più pragmatico, essendo interessata a quello che può concretamente avere in mano, ai benefici e non impegnandosi in combattimenti o idealismi senza una base sicura. Di fronte alla domanda se sono disposti a separarsi e non rivedersi mai più se gli interessi del movimento lo richiedono, lei risponde categoricamente NO, mentre lui è indeciso e poi alla fine, forse per confermare l'amore professato, ma non vissuto pienamente, risponde anche lui di no. Julia è indifferente di fronte al personaggio Goldstein che sarebbe all'origine di questo movimento e al libro che aveva scritto per motivare la ribellione contro il sistema, probabilmente grazie al suo spirito pragmatico o forse a causa della sensazione che questo movimento è falso, essendo lei un membro attivo del partito e sapendo meglio di lui i sotterfugi che questo utilizza per ottenere quello che vuole. Winston è un idealista e anche di fronte alla tortura dopo la sua cattura si aggrappa all'idea di verità e di amore alla quale rinuncia quando si confronta con la sua paura più terribile. La tecnica di dominazione del partito non viene imposta solo attraverso la tortura, O'Brien, un membro principale del partito avverte Winston che ciò che non sarà possibile ottenere con la tortura sarà ottenuto tramite l'umiliazione e la ricompensa, quest'ultima funzionando nel caso di Winston. Nella scena finale tra i due dopo il rilascio dalle grinfie del partito, entrambi i personaggi sono profondamente trasformati da questo evento, ma Julia è l'unica a verbalizzare la concretezza degli atti commessi al fine di salvarsi la vita, vale a dire il tradimento, Winston rimanendo nel piano idealistico fino alla scena finale che vi confesso che provo ancora a masticare per comprenderla meglio o per meglio capire lo schema psicologico che sta alla sua base. In conclusione, voglio solo raccomandare questo libro, non prendetelo come un libro leggero perché non lo è affatto, si consiglia di prepararsi psicologicamente a tale lettura dalle quale si uscirà sicuramente arricchito culturalmente e personalmente, io almeno ho vissuto così questa lettura. Il romanzo è pieno di sarcasmo e ironia, come ad esempio il Ministero della Verità è responsabile della falsificazione della realtà e degli eventi, il Ministero dell'Abbondanza si occupa delle razioni di alimenti e di altri prodotti, il Ministero della Pace si occupa con la guerra, e il Ministero dell'Amore è incaricato con lo spionaggio e di tortura dei cittadini. Penserete che mi sono ritrovata in questo libro a causa della mia esperienza di vita, essendo cresciuta in un paese sotto il regime comunista, e non vi sbagliate perché proprio a causa di questo posso confermare che tutto quello descritto qui come tecniche del partito è realtà e certamente questo è stato un fattore decisivo nella scelta di questo libro. Per coloro che non hanno vissuto una simile esperienza,queste cose possono sembrare incredibili ed è anche per uno scopo scientifico che consiglio questa lettura.Consiglio questa lettura soprattutto perché siamo homo sapiens sapiens e dobbiamo imparare a rilevare i mezzi di manipolazione con i quali siamo bombardati dalla mattina alla sera e soprattutto sperando di evitare quello che l'autore di questo libro predice come futuro per l'umanità.


ENGLISH

Dear readers,
Today I come back with a post on literature, on a book that has arroused my interest as soon as I read the description and it did not disappoint me at all. I also recommend this book to all serious literary readers because this book is a cornerstone of international literature. The book is called 1984 (the year of my birth: P) and the author is George Orwell, although I think I have to inform you that it is just the pseudonym used for the publication, the true name of the writer being Eric Arthur Blair, an anglo-indian writer, born in 1903 at Motihari in Bengal. After serving in the imperial army, experience that has traumatized him, the author decides to emigrate to Europe to discover his origins. In Europe, he participates in numerous revolts, he enrolls to the Communist Party of Spain, and when he was denied the participation in World War II because of a previous accident, he joined the Home Guard territorial militia in 1940, collaborating with various magazines and newspapers of Propaganda, living experiences that we can find in his main novel 1984. The 1984 novel was written between 1946 and 1949, a year later the writer dies at London, probably due to tuberculosis. 1984 is a futuristic novel that has been surprising since the first pages thanks to the writer's great ability to predict the future and what humanity is experiencing today. Of course, he is imagining these actions in 1984 in a world divided between three world powers in conflict and a communist London where the Ministry of Truth through Psychopolice terrorizes the citizens. Although London has never been under Communist influence, anyone who has lived in a communist state in the past can not but recognize the techniques the militias used to terrorize and spy on people, the rationing policy of food and not only, and also the propaganda and the media falsification the party used to manipulate the citizens. Leaving aside the Communist sphere for a moment, this novel has surprised me by the ability with which the author has anticipated the moments we actually live today, from the Big Brother, the supreme entity that spies any activity from what a person writes to what she thinks, the device used by individuals to tell the computer what to write, the lack of privacy, the techniques of manipulating and falsifying events and the media, the techniques of espionage through electronic devices that the individual possesses, the politics of beffudling the population with television programs and the way in which language evolved, giving up complex and meaningful words for more practical but limited words. The characters of this novel predict that the language will evolve so that all the great literary works will be rewritten to be understood by contemporaries taking enormous distances from the original form, purpose and meaning. The book is especially impressive by the party's logo: War is peace, freedom is slavery, ignorance is force, but also for the hour of hatred, in which people were encouraged to show hatred and rage in a vehemently way against the enemy with which Oceania was at war at the moment so that they could exteriorize the internal conflicts caused by shortages, grievances, and silent revolts. The author describes a wilde society, such as the one in Middle Ages, where people assisted at executions for recreational purposes, which is not far from what society is today with the exaltation in front of the news that bombing on hostile nations has caused many deaths among innocent civilians. A society in which thought no longer exists because thinking becomes superfluous, memory is abolished by manipulation techniques, the people being left only with the conflicting feeling that something is missing and that they are being defrauded, is easily observable also in what we now live and constitutes in the end a sort of universal truth. As for the protagonist, Winston Smith, I have to say that from the start I did not like him particularly and with the advancement of reading I liked him less and less. I found him an egoistic character in his relationship with his mother and sister, misogynist because of the way he sees and judges women, and even when he had the confirmation that his ideas were wrong he was still a bit uncertain and hesitant in front of an unexpected feeling of love. Winston Smith feels comfortable with the idea that something striking must be done, that he has to overturn the party by associating himself in this purpose with a secret revolutionary movement that asks him to sacrifice his life, the lives of the persons dear to him, to kill innocent people for the good of the movement, to lie, to distribute drugs, encourage prostitution, corrupt the minds of children, and renounce to his identity without any certainty except that death would be certain. All of these things are seen from another point of view by the other protagonist, Julia, a young member of the party and the Anti-Sex League, who hated the party politics with all her strength and who falls in love with Winston and joins his struggle to overthrow the party, although her point of view is more pragmatic, being interested in what she can actually have in hand, in the benefits, and not engaging in fights or idealism without a secure base. Faced with the question whether they are willing to separate and never see eachother again if the interests of the movement so require, she categorically answers NO while he is undecided and then in the end, perhaps to confirm the professed love, but not fully lived, he also replies no. Julia is indifferent to the Goldstein character that would be the origin of this movement and the book he had written to motivate the rebellion against the system, probably thanks to her pragmatic spirit or perhaps because of the feeling that this movement is false, being she an active member of the party and knowing better than him the subterfuges that this one uses to get what it wants. Winston is an idealist and even faced with torture after his capture he clings to the idea of truth and love to which he renounces when confronted with his most terrible fear. Party domination technique is not imposed only through torture, O'Brien, a party's main member warns Winston that what is not possible with torture will be obtained through humiliation and reward, the latter working in Winston case. In the final scene between the two after the release of the party's clutches, both characters are deeply transformed by this event, but Julia is the only one to verbalize the concreteness of the acts committed in order to save her life, that is betrayal, Winston remaining in the idealistic plan until the final scene that I confess I try to chew to understand it better or to better understand the psychological scheme that is at its base. In conclusion, I just want to recommend this book, do not take it as a light book because it is not at all, it is advisable to be psychologically prepared for that reading from which you will certainly emerge culturally and personally enriched, I at least this is how I lived this reading. The novel is full of sarcasm and irony, as the Ministry of Truth is responsible for falsifying the reality and events, the Ministry of Abundance deals with rations of food and other products, the Ministry of Peace deals with the War, and the Ministry of Love is charged with the espionage and torture of citizens. You will find that I have found myself in this book because of my life experience, having grown up in a country under the communist regime, and you are not mistaken because precisely because of this I can confirm that all that is described here as party techniques is reality and certainly this was a decisive factor in choosing this book. For those who have not experienced such an experience, these things may seem incredible and it is also for a scientific purpose that I recommend this reading. I recommend this reading mainly because we are homo sapiens sapiens and we must learn to detect the means of manipulation with which we are bombarded from morning to night and above all hoping to avoid what the author of this book predicts as a future for humanity. 



35 de comentarii:

  1. Cara Flo, io sono passato per il mio caloroso saluto.
    Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RăspundețiȘtergere
  2. Ciao Flo, è un libro famosissimo che io non ho mai letto... grazie per la tua review :)
    Buona serata,
    Chiara

    RăspundețiȘtergere
    Răspunsuri
    1. Grazie Chiara, spero tu l'abbia trovata utile.

      Ștergere
  3. Pur non essendo il mio genere preferito, devo ammettere che la trama è interessante e sicuramente attuale.
    Magari ci faccio un pensierino appena finisco il libro che sto leggendo ora.
    Buona giornata :)

    RăspundețiȘtergere
  4. u r a beauty with brains Flo! It's been a long time since i had read a book! need to grab one now!

    RăspundețiȘtergere
  5. this book is at my reading list. I hope i can read it soon 😊
    deryaninsporgunlugu.com

    RăspundețiȘtergere
  6. O livro é muito interessante!! Adoro literatura e conheço um pouco sobre o autor.

    Um beijo e um ótimo final de semana.

    www.purestyle.com.br

    RăspundețiȘtergere
  7. I would like to read this book too. Thanks for sharing 😊
    deriasworld.blogspot.com

    RăspundețiȘtergere
    Răspunsuri
    1. Hope you will like it! Thank you for your visit and comment.

      Ștergere
  8. Stunning post! Very interesting!
    www.recklessdiary.ru

    RăspundețiȘtergere
  9. Wow, I did not know this, I loved it, I'm going to look at it in the store

    RăspundețiȘtergere
  10. Thank you for your recommendation, sounds interesting :)
    Would you like to follow each other ? Let me know: shoppingholic-dreamer.blogspot.com

    RăspundețiȘtergere
  11. Stupenda recensione, Flo, di un libro che avevo sentito nominare, ma non ho mai letto. Adesso sono curiosa, sia per il tema, sia per la complessità della storia. Aspetterò comunque di sentirmi pronta, perché effettivamente non è un libro da prendere alla leggera, va capito e "sopportato" fino alla fine. Sicuramente lo trovo in biblioteca, ma prima chiedo ad Alli se ce l'ha. Grazie per questa recensione completa e precisa! Buona notte :)

    RăspundețiȘtergere
    Răspunsuri
    1. Sono d'accordo con te, uno deve essere preparato psicologicamente per leggere questo libro. Buona serata Elle.

      Ștergere
  12. Thanks a lot :D

    super interesting post and book review dear. Complete as I love!

    NEW FASHION POST | Trend Alert: Basic Meets Modern :D
    InstagramFacebook Official PageMiguel Gouveia / Blog Pieces Of Me :D

    RăspundețiȘtergere
  13. Very interesting book! Thanks for sharing! 👌👌👌

    RăspundețiȘtergere
    Răspunsuri
    1. Thank you Carolina for visiting and commening.

      Ștergere
  14. Amazing!
    Super interesting,
    Emma
    www.emmalovesfashion.com

    RăspundețiȘtergere
  15. very intresting. Thank you for the Review.
    have a nice day
    http://www.swisstwins.ch/

    RăspundețiȘtergere
    Răspunsuri
    1. Thank you very much for your visit and comment.

      Ștergere
  16. Acest comentariu a fost eliminat de autor.

    RăspundețiȘtergere