Tuesday, January 2, 2018

Insciallah di Oriana Fallaci - recensione del libro / Insciallah by Oriana Fallaci - book review / Insciallah de Oriana Fallaci - recenzie de carte

Carissimi lettori e lettrici,
Oggi voglio parlare di un libro che mi ha segnata parecchio, un libro che ho faticato e amato leggere allo stesso tempo, questo libro è Insciallah di Oriana Fallaci. Il libro è ambientato in Libano, durante la guerra civile che durò dal 1975 fino al 1990 e causo la morte di migliaia di persone. La guerra civile vide inizialmente come contendenti i cristiani maroniti con il partito falangista di Pierre Gemayel da una parte e la coalizione di palestinesi e libanesi musulmani dal'altra parte. Con il passare del tempo intervennero anche La Forza Araba di Dissuasione (FAD) e gli israeliani che portò il conflitto ad un livello ancora più ampio. Per riportare la pace e la sovranità in Libano, le Nazioni Unite crearono una squadra di forze multinazionale che coinvolgevano truppe statunitensi, francesi, italiane e inglesi che gestiva i conflitti in Libano e soprattutto a Beirut che si vide divisa da una linea verde in zona est (cristiana) e ovest (musulmana). Il libro inizia con l'attacco dinamitardo del 1983 alle basi della forza multinazionale che causò la morte di più di 200 marines statunitensi e più di 50 soldati francesi. La scena dell'attentato è straziante, la descrizione è dettagliata e cruda quindi già da questa parte si possono avere dei problemi a continuare la lettura. Questo attentato portò alla ritirata delle forze statunitensi e francesi e fece del'Italia, l'unica forza per la pace ancora a Beirut. In questo contesto Oriana Fallaci crea una storia con personaggi molto interessanti e  ispirati a persone vere e a fatti veramente compiuti. Il libro ha più di 700 pagine però una volta arrivata a metà, non riuscivo a staccarmi da lui per l'intensità e la complessità dei suoi personaggi. Prima di parlare dei personaggi e della loro trama, vorrei spendere qualche parola per parlare del modo in cui Oriana Fallaci descrive questo paese prima di questa guerra. Libano e Beirut era una terra dove vivevano in armonia diverse culture e religioni, una specie di terra promessa per chi cercava una vita beata e tranquilla. La malinconia per questa terra persa la possiamo ritrovare in diversi personaggi di questo libro, la possiamo vedere in Ninette, la bellissima donna cristiana dai lunghi capelli castani e occhi viola che non vuole parlare il francese bensì lo conosce benissimo e che è alla ricerca di quello che ha perso,nelle suore francesi, costrette adesso a condividere il loro convento con i soldati italiani ma che nonostante gli incidenti continuano il loro lavoro con i bambini indipendentemente dalla loro religione. La guerra sconvolge il loro universo e il loro modo di vivere, fa capire a chi era ignorante,che un libro può cambiare la vita e trasformarti in un leader della causa come è successo a Bilal o ti fa lasciare una bella carriera per cercare vendetta come è accaduto a Gassan. L'arrivo delle forze multinazionali comporta ulteriori cambiamenti perché la gente del luogo ha visto nei soldati ben pagati e senza tate possibilità di spendere i soldi una vera miniera d'oro quindi vediamo un proliferare di prostituzione, ricatto, menzogna,e inganno. Tante di queste vittime sono i personaggi di questo romanzo, quindi dei soldati e ufficiali italiani che trovano delusione ma anche conforto e amore. I soldati italiani sono tanti, tantissimi, che l'autrice descrive minuziosamente a partire dai loro tratti fisici e morali, al loro linguaggio, e confesso che ho faticato molto a leggere tanti dialetti italiani che non conosco, tanto che il francese e l'inglese era un sollievo in confronto. Non preoccupatevi perché la scrittrice fa sempre la traduzione in italiano sia delle frasi in inglese, arabo o francese che di quelle in dialetto siciliano, napoletano, livornese, ecc. Per quanto riguarda i soldati e gli ufficiali italiani vorrei spendere qualche parola su alcuni di loro, il ruolo decisivo viene ricoperto da un generale chiamato da tutti Condor, che a mio avviso fatica molto ad eseguire questo ruolo e viene spesso ignorato da chi è una testa calda ma anche da chi ha delle soluzioni migliori ma non riesce a farsi ascoltare. Sempre nel comando abbiamo Cavallo Pazzo, un ufficiale in cerca di gloria e disposto a sacrificare volentieri la sua vita e quella dei suoi soldati per riuscirci, un personaggio altrettanto ambiguo è anche Sandokan, che come potrete vedere con la sua indifferenza quasi uccide i suoi subalterni. Passiamo adesso ai personaggi con una spicata sensibilità, e qui abbiamo Rambo, un vero soldato che ritrova in una bambina musulmana la sorella deceduta a causa di una malformazione tremenda, Ferruccio, il soldato che stringe un amicizia sincera con un bambino musulmano, Maometo, Gino, che nonostante le atrocità della guerra scrive poesie, Ninette, che guarda il ragazzo Passepartout come una madre ignorando che egli fosse un assassino spietato e come loro tanti altri. Poi parliamo del sergente Angelo, il matematico in cerca di una formula matematica per la vita che scopre questa formula e anche l'amore quando ormai è troppo tardi. Se parliamo di Angelo, dobbiamo parlare anche di Passepartout, il ragazzo musulmano che coniuga nella stessa persona un assassino spietato con un adolescente balordo e uno prostituto, il suo destino è connesso a quello di Angelo per più di un filo ed è determinante per il finale di questo romanzo. Non posso concludere questa recensione senza parlare di Charlie, l'eroe assoluto di questo romanzo, il capitano che grazie alla sua intelligenza, coraggio e astuzia salvaguardia la vita e l'integrità del contingente italiano. Più si va avanti con la lettura, più si capisce la profondità e la complessità del suo personaggio e confesso che ho letto d'un fiato gli ultimi capitoli di quest libro solo per vedere se le strategie di Charlie avessero funzionato. Ho sentito dire che per questo personaggio, Oriana Fallaci si fosse inspirata ad un suo grande amico, anche lui un capitano nella guerra in Libano, che grazie alle sue conoscenze e tattiche di persuasione garantì la salvezza del suo contingente. Spero abbiate gradito la mia recensione e spero anche di aver svegliato in voi l'interesse nel leggere questo libro. Vi abbraccio e vi saluto calorosamente fino al prossimo incontro!


ENGLISH  
                                                                                                                                                                                                  
Dear readers,
Today I want to talk about a book that has marked me a lot, a book that I struggled and loved to read at the same time, this book is Insciallah by Oriana Fallaci. The book is set in Lebanon, during the civil war that lasted from 1975 until 1990 and caused the death of thousands of people. The civil war initially saw as a contender the Maronite Christians with the Falanghist party of Pierre Gemayel on one side and the coalition of Palestinian and Lebanese Muslims on the other side. Over time, the Arab Dissuasion Force (FAD) and the Israelis also intervened and took the conflict to an even wider level. To restore peace and sovereignty in Lebanon, the United Nations created a multinational team of forces that involved US, French, Italian and British troops that managed the conflicts in Lebanon and especially in Beirut, which was divided by a green line in the east (Christian) and West (Muslim). The book begins with the 1983 bomb attack at the headquarters of the multinational force that caused the death of more than 200 US Marines and more than 50 French soldiers. The scene of the attack is excruciating, the description is detailed and harsh so already from this moment you can have problems to continue reading. This attack led to the withdrawal of US and French forces and made Italy, the only peace force in Beirut. In this context Oriana Fallaci creates a story with very interesting characters inspired by real people and truly accomplished facts. The book has more than 700 pages but once halfway through, I could not stay away from it because of the intensity and complexity of his characters. Before talking about the characters and their plot, I would like to say a few words to talk about the way in which Oriana Fallaci describes this country before this war. Lebanon and Beirut was a land where different cultures and religions lived in harmony, a kind of promised land for those seeking a blessed and peaceful life. The melancholy for this lost land can be found in different characters of this book, we can see it in Ninette, the beautiful Christian woman with long brown hair and purple eyes who does not want to speak French although knows it very well and is searching for what she lost, in the French nuns, now forced to share their convent with the Italian soldiers but that despite the incidents they continue their work with the children regardless of their religion. The war perturbs their universe and their way of life, makes it clear to those who were ignorant, that a book can change one's life and turn him into a leader of the cause as happened to Bilal or makes one leave a good career to seek revenge as it happened to Gassan. The arrival of the multinational forces brings further changes because the locals have seen in the well-paid soldiers and without the possibility of spending money a real gold mine so we see a proliferation of prostitution, blackmail, lies, and deception. Many of these victims are the characters of this novel, then Italian soldiers and officers who find disappointment but also comfort and love. The Italian soldiers are many, so many, that the author describes them minutely  anyways starting from their physical and moral traits, to their language, and I confess that I struggled a lot to read so many Italian dialects that I do not know, that French and English was a relief in comparison. Do not worry because the writer always does the Italian translation of the sentences in English, Arabic or French and those in Sicilian, Neapolitan, Livorno dialect, etc. As for the soldiers and the Italian officers I would like to say a few words about some of them, the decisive role is played by a general called by all Condor, which in my opinion struggles to perform this role and is often ignored by hot heads and also by those who have better solutions and can not make themselves heard. Always in command we have Cavallo Pazzo, an officer looking for glory and prone to willingly sacrifice his life and that of his soldiers to succeed, an equally ambiguous character is also Sandokan, who as you can see with his indifference almost kills his subordinates. We now pass to the characters with great sensitivity, and here we have Rambo, a real soldier who finds in a Muslim girl his sister that died because of a terrible malformation, Ferruccio, the soldier who holds a sincere friendship with a Muslim child, Maometo, Gino, who despite the atrocities of the war writes poetry, Ninette, who looks at the boy Passepartout like a mother ignoring that he was a ruthless murderer and like them, many others. Then we talk about Sergeant Angelo, the mathematician in search of a mathematical formula for life that discovers this formula and also love when it is too late. If we talk about Angelo, we must also speak of Passepartout, the Muslim boy who combines in the same person a ruthless killer with a nasty teenager and a prostitute, his destiny is connected to that of Angelo for more than a thread and is decisive for the final of this novel. I can not conclude this review without talking about Charlie, the absolute hero of this novel, the captain who thanks to his intelligence, courage and shrewdness safeguards the life and integrity of the Italian contingent. The more you go on with the reading, the more you understand the depth and complexity of his character and I confess that I read the last chapters of this book in one go just to see if Charlie's strategies had worked. I heard that for this character, Oriana Fallaci was inspired by her great friend, also a captain in the war in Lebanon, who thanks to his knowledge and tactics of persuasion guaranteed the salvation of his contingent. I hope you enjoyed my review and I also hope to have woken up in you the interest in reading this book. I embrace you and look forward seeing you at my next post!





38 comments:

  1. Amazing, like it so much!
    Happy New Year!
    My blog: http://thestoryofagothic.blogspot.rs
    New post is here, Maleficent ♥

    ReplyDelete
    Replies
    1. Thank you very much dear for your visit and comment.

      Delete
  2. Cara Flo, siamo al termine delle feste natalizie, ci resta l'epifania, che tutte le festo porta via!!!
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    ReplyDelete
    Replies
    1. Verissimo... oggi è l'Epifania e dunque abbiamo finito le feste!

      Delete
  3. Una review davvero particolareggiata, mi piacerebbe leggere questo libro, credo che lo prenderò.
    Spero tu abbia trascorso un capodanno pieno di gioia e amore, ti auguro il meglio per questo 2018!
    Kisses, Paola.

    Expressyourself

    ReplyDelete
    Replies
    1. Spero ti possa piacere, come ho etto, all'inizio si fa fatica... Grazie cara Paola per tutto!

      Delete
  4. Replies
    1. Thank you very much dear for your visit and comment.

      Delete
  5. Love it dear!

    Thanks for sharing, wishing you a lovely day <3

    ReplyDelete
  6. Replies
    1. Thank you very much dear for your visit and comment.

      Delete
  7. Adorei a resenha, ainda não conhecia.
    Beijos boa semana
    bellapagina.blogspot.com.br

    ReplyDelete
  8. Thanks a lot :D

    looks super interesting my friend :)

    NEW REVIEW POST | MY BEST BEAUTY PRODUCTS OF 2017 :O
    InstagramFacebook Official PageMiguel Gouveia / Blog Pieces Of Me :D

    ReplyDelete
  9. Interesting book. I will ask for it at our library.
    www.delikizinbohcs.blogspot.com

    ReplyDelete
    Replies
    1. I know it was translated in many languages, hope you might find it.

      Delete
  10. Grande densità di pensiero ed emozione pura :)
    Un caro saluto, Flo.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Apprezzo molto il tuo commento caro Nigel!

      Delete
  11. Questo sì che è un super Libro con la l maiuscola Flo! Bellissima scelta :)

    ReplyDelete
    Replies
    1. Lo è veramente, sono contenta che lo apprezzi anche tu!

      Delete
  12. Ottima recensione! Grazie per la condivisione!!
    Baci, Valeria - Coco et La vie en rose FASHION & BEAUTY

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ti ringrazio molto per il tuo apprezzamento e commento molto gentile.

      Delete
  13. I libri della Fallaci sono sempre molto profondi e pieni di spunti di riflessione, anche se a dire il vero a me risultano anche un pò pesanti (ho letto Oriana Fallaci intervista Oriana Fallaci e Un uomo, ma questo non sono riuscita a finirlo)...
    Questo che hai descritto sembra molto interessante sia per varietà di personaggi che per trama, magari potrebbe risultare meno faticoso da finire.
    Ottima review!
    Baci!
    S
    https://s-fashion-avenue.blogspot.it/

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ti capisco benissimo, anch'io ho faticato a leggerlo, soprattutto nella prima metà e poi ne vale la pena.

      Delete
  14. Una grande scrittrice ma nulla al confronto dei grandi scrittori russi che io amo alla follia in particolare Fedor! Se ti va passa da me cara Florentina!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Io confesso invece che ho faticato di più a leggere Feodor Dovstoievski o Tolstoi per via dell'ambientazione, ma se poi in Russia a quei tempi c'era solo quello non penso si potesse fare diversamente, comunque sono d'accordo che i loro libri sono molto intensi.

      Delete
  15. Di grande spessore Oriana Fallaci, un libro da leggere!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ti ringrazio cara Simona per la tua visita e per aver apprezzato questo libro.

      Delete
  16. This book looks complex but interesting. It's been a long time since I read a book!!!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Dear Megha, this book is indeed complex and difficult but it is worth reading it.

      Delete
  17. Thanks for sharing your info. I really appreciate your efforts and I will be waiting for your further write ups thanks once again.
    read our post for mobile cover
    Vivo Y21L Mobile Cover

    ReplyDelete

Thank you for your visit! If you wish to leave a comment I would be very happy to know your thoughts. DO NOT leave links, I will delete when possible, the comments with links because Google penalizes them. Every user is responsible for his/her words, however comments incouraging agression, bullying or bad conduct are not welcomed. I inform you that according to the new GDRP, the information you provide on your comments are visible to all my blog readers and visitors. They also might be available on Google and all other platforms where sharing is possible. I also inform you that the moderation of the comments is activated for this blog. For more info about how your informations are treated please consult the privacy and cookie policy of this blog.