Monday, October 28, 2019

Come vedo io Halloween... / How I see Halloween....


Ciao carissimi lettori, belli, brutti, piccoli o grandi,
Oggi è arrivato finalmente il momento di parlare di Halloween. Confesso di non aver mai celebrato questa festa, anzi, non ho nessun ricordo collegato a questa festa ne di quando ero bambina ne di quando sono, ecco, adulta hehehe... Ma visto che si parla a destra e a sinistra, ho pensato di dedicarci qualche minuto della mia vita per raccontarvi questa festa cosi come la vedo io. 
Prima di tutto credo che ormai sappiamo tutti che questa festa ha le sue origini nella festa celtica Samhain celebrata il 31 ottobre (questo forse non lo sappiamo tutti, non lo sapevo nemmeno io, l'ho appena cercato su google :P ) che parlava di incontri soprannaturali, spiriti e riti pagani e rimpiazzata successivamente dalla chiesa con la festa di Ognissanti al 1 di novembre per dare una certa continuità. In seguito dopo che il protestantesimo smise di osservare la festa di Ognissanti, nel ambito anglosassone, Halloween comincio ad essere celebrata come festa laica. 
Parliamo adesso del'origine del nome, Halloween al quanto pare deriva dalla variante scozzese del nome completo: "All Hallow's Eve" cioè la notte di tutti gli spiriti sacri, quindi la vigilia di "All Hallow's Day" moderno per all saints day, cioè Ognissanti. 
Parliamo un po' dei simboli relativi a questa festa che poi costituiscono l'elemento più divertente e peculiare. Halloween ha un numero molto grande di simboli: partendo dalle storie di fantasmi, morte, occulto e mostri come: Frankenstein, Dracula, Dr. Jekyll and Mister Hyde che hanno dato alla luce una serie di opere letterarie e film, ai costumi di Halloween per rappresentare i personaggi appena nominati, alle zucche intagliate e all'usanza "dolcetto o scherzetto?" Non ho mai avuto occasione di mascherarmi per questa festa e neanche mi attrae molto però ritengo molto divertente invece l'usanza "dolcetto o scherzetto". Questa usanza è nata nel Medioevo quando la gente povera andava di porta in porta elemosinando cibo durante la festa di Ognissanti in cambio di preghiere per  morti che sarebbero stati commemorati il giorno successivo, il 2 novembre. Oggi assistiamo alla trasformazione di questa usanza, che non consiste più nel ripagare una preghiera ma cercare di evitare un dispetto. Vi chiederete probabilmente come mai questa usanza può attirarmi cosi tanto, beh, ve lo spiego subito. Da bambina sono stata una brava bambina, ho sempre studiato, preso buoni voti, ascoltato i miei genitori, parlato in modo educato con le persone adulte, ma dentro di me c'è sempre stata una bambina birichina che avrebbe voluto frantumare la finestra della vecchia strega che ci rubava e sgonfiava il pallone perché giocavamo davanti casa sua o riempire di insetti la porta di quella signora antipatica che andava sempre a raccontare ai nostri genitori che noi giocavamo nel cimitero o nelle pozzanghere d'acqua. 
Se solo questa festa fosse stata popolare ai tempi di quando io ero bambina... Dietro una maschera e un costume mi sarei vendicata di tutte le ingiustizie e tutti i dispetti a me recati urlando a squarciagola "dolcetto o scherzetto, annusa i miei piedi o dammi qualcosa di buono da mettere sotto i denti".
Voi che ne pensate? Qual'è la cosa che più vi attira di questa festa? Anche voi avreste usato questa festa per vendicare le ingiustizie subite da bambini?




ENGLISH

Hello dear readers, beautiful, ugly, yougsters or grownups,

Today it's finally time to talk about Halloween. I confess that I never celebrated this holyday, in fact, I have no memory connected to this celebration neither when I was a child nor now that I am, an adult hehehe ... But since I here talking left and right about it, I decided to dedicate a few minutes of my life to talk to you about this holiday as I see it. First of all I believe that by now we all know that this cellebration has its origins in the Celtic holyday Samhain celebrated on October 31st (maybe not all of us knew this, I didn't know it, I just searched it on google: P) who talked about supernatural encounters, spirits and pagan rites and subsequently replaced by the church with the celebration of All Saints on November 1st to give a certain continuity. Later, after Protestantism stopped observing the All Saints' Day, in the Anglo-Saxon area, Halloween began to be celebrated as a popular festivity.
Now let's talk about the origin of the name, Halloween apparently comes from the Scottish variant of the full name: "All Hallow's Eve" that is the night of all the sacred spirits, therefore the eve of modern "All Hallow's Day" that is All Saints.
Let's talk a little bit about the symbols related to this festivity that may easily be the most amusing and peculiar element. Halloween has a very large number of symbols: starting from ghost stories, death, the occult and monsters such as: Frankenstein, Dracula, Dr. Jekyll and Mister Hyde who gave birth to a series of literary works and movies, to Halloween costumes that represent the above mentioned characters, to the carved pumpkins and to the custom "trick or treat?" I have never had the opportunity to dress up for this party and I am not very attracted to it, but I think it is very funny, instead, the "trick or treat" custom. This custom was born in the Middle Ages when poor people went from door to door begging for food during All Saints' Day in exchange for prayers for their dead that would be commemorated the next day, November 2nd. Today we are witnessing the transformation of this practice, which no longer consists in repaying a prayer but rather trying to avoid annoyances. You will probably wonder why this custom can attract me so much, well, I'll explain it to you right away. As a child I was a good girl, I always studied, got good grades, listened to my parents, talked politely to grownups, but inside me there always was a naughty little girl who wanted to smash the window of the old hag who stole and deflated our ball just because we played in front of her house or filled with insects the door of that nasty lady that always went to tell our parents that we were playing in the cemetery or in puddles of water. If only this celebration had been popular when I was a child ... Behind a mask and a costume I would have avenged myself for all the injustices and all the scorns I had to endure by screaming at the top of my lungs "trick or treat, smell my feet, give me something good to eat"
What do you think? What is the thing that most attracts you about this holiday? Would you have also used this festivity to avenge the injustices you endured as children?













P.S: nel caso le mie foto non fossero abbastanza terrificanti, v'invito a dilettarvi con qualche filmino dal web (pauroso, vi avverto). 






P.S: in case my photos were not scary enough, I invite you to delight yourself with this video found on the web (I must advise you, it is very scary).












Questo post non ha alcun scopo commerciale, il suo unico scopo è quello di intrattenere. 

This post does not have a comercial purpose, it's only purpose is to entertain. 

Saturday, October 19, 2019

Artificial influencers - nuovo fenomeno / Artificial influencers - new phenomenon




Ciao carissimi lettori,
Oggi vorrei parlarvi di un fenomeno nuovo che sta sconvolgendo e trasformando il mondo della moda, della cosmesi e non solo. Questo fenomeno riguarda gli influncers artificiali, influencers digitali creati artificialmente su computer per sembrare vere persone. Questi inluencers fanno quello che fanno anche gli influencers umani, cioè dettano e stabiliscono trend, li possiamo vedere indossare capi di alta moda, pubblicizzare brand famosi, condividere foto di vacanze o di altre esperienze sociali e perché no, testare anche prodotti cosmetici. 
Io ho scoperto alcune delle influencers artificiali più famose su instagram, a dire la verità non le ho scoperte io perché di loro si parlava già in tantissimi giornali e riviste e quindi ho il piacere di parlarvi oggi di Shudu, la modela dalle linee eleganti e raffinati e dal colore mogano e Lil Miquela, la ragazzina sbarazzina con il viso decorato da bellissimi lentiggini. Ho ammirato questi personaggi indossando capi di alta moda, trascorrere una giornata di relax, prendere il sole o provare prodotti cosmetici. Il bello nel avere un'artificial influencer sta prima di tutto nel fatto che non invecchiano, non ingrassano, non hanno una brutta giornata e non si sveglieranno con le occhiaie. Quindi possono sempre rappresentare il brand al meglio, da questo punto di vista. 
Quando studiavo all'università ricordo che ci avevano parlato dei programmi creati ed elaborati in modo da sembrare umani, rispondere alle nostre domande ed esprimere riflessioni di natura filosofica. Certamente queste risposte erano limitate, il programmatore aveva disegnato il programma per poter rispondere alle domande più comuni e aveva creato delle scorciatoie per evitare le domande difficili con una risposta che cambiava l'argomento della discussione. Non mi meraviglio quindi che oggi assistiamo ad una evoluzione e amplificazione di questo fenomeno arrivato anche nel mondo della pubblicità. Ammetto che guardando questi influencers avverto una certa invidia per il fatto che il loro fisico resterà sempre giovane e sempre in forma anche se le vedo con un hamburger in mano o passare tanto tempo al sole però allo stesso tempo mi chiedo quanto possano essere convincenti come influencer. Guardando le loro foto in cui indossano capi firmati mi risvegliano le stesse sensazioni che avverto guardando le foto di altre belle modelle o influencers, noto subito il capo e mi colpisce lo stile e la ricercatezza. Allo stesso tempo vorrei sapere di più, vorrei sapere come ci si sente dentro quel capo, ci si sente liberi, confortevoli o rigidi e indolenziti? Il tessuto e fine, soffice o ruvido? Se parliamo poi di prodotti cosmetici, le mie domande sono ancora più numerose. Certo, nel programma si possono inserire le informazioni fornite dal produttore e quindi l'influencer artificiale potrebbe dirti che il prodotto rende la pelle soffice e idratata, ma un influencer che non avrà mai problemi di rughe, può consigliare un prodotto anti-rughe? Se per questo, un influencer che non avrà mai problemi di pelle secca, può testimoniare le qualità idratanti di un prodotto? Bhè, voi sapete già come io la penso sulle recensioni dei prodotti quindi non ritorno con gli stessi argomenti ma dico solo che a questo punto possiamo anche prendere come veritiere tutte le informazioni che il produttore fornisce. 
Voi invece cosa ne pensate di questo fenomeno? Conoscevate già queste influencers artificiali? Avete le stesse domande che ho io o pensate semplicemente che sono un passo verso il futuro? Mi piacerebbe conoscere anche il vostro parere in merito a questo tipo di influencer quindi fatemi sapere cosa ne pensate nei vostri commenti. Baci, baci, alla prossima!


ENGLISH

Hello dear readers,
Today I would like to talk to you about a new phenomenon that is  revolutionating and transforming the world of fashion, cosmetics and not only. This phenomenon concerns artificial influncers, digital influencers artificially created on computers to look like real people. These inluencers do what human influencers also do, that is they dictate and establish trends, we can see them wearing haute couture garments, publicizing famous brands, sharing holiday photos or other social experiences and why not, also testing cosmetic products. I discovered some of the most famous artificial influencers on instagram, to tell the truth I didn't really discovered them because they were already talked about in so many journals and magazines and so I have the pleasure of talking to you today about Shudu, the model with elegant and refined lines and mahogany color and Lil Miquela, the naughty little girl with a cute freckled face. I admired these characters wearing high fashion garments, spending a day relaxing, sunbathing or trying on cosmetic products. The beauty of having an artificial influencer resides first of all in the fact that they don't get old, they don't put on weight, they don't have a bad day and they won't wake up with dark circles. So they can always represent the brand at its best from this point of view. When I was studying at university I remember that they had talked to us about programs created and elaborated in order to look and behave like humans, to answer our questions and express reflections of a philosophical nature. Certainly these answers were limited, the programmer had designed the program to be able to answer the most common questions and  created shortcuts to avoid difficult questions with an answer that changed the topic of the discussion. No wonder then, that today we are witnessing an evolution and amplification of this phenomenon that has also arrived in the world of advertising. I admit that looking at these influencers I feel a certain envy for the fact that their physique will always remain young and always in shape even if I see them with a hamburger in hand or spend so much time in the sun but at the same time I wonder how convincing could they be as influencer. Looking at their photos wearing designer clothes, they awaken the same sensations I feel when looking at photos of other beautiful models or influencers, I immediately notice the garment and I am struck by the style and refinement. At the same time I would like to know more, I would like to know how it feels inside that garment, does it feel at ease, comfortable or rigid and stiff? Is the fabric fine, soft or rough? If we talk about cosmetic products, my questions are even more numerous. Of course, in the program you can enter the information provided by the manufacturer and then the artificial influencer could tell you that the product makes the skin soft and moisturized, but an influencer that will never have problems with wrinkles, can recommend an anti-wrinkle product? Even more, can an  influencer who will never have dry skin problems, testify to the moisturizing qualities of a product? Well, you already know how I think about product reviews so I don't come back with the same arguments but I only say that at this point we can also take all the information the manufacturer provides as true. 
But what do you think of this phenomenon? Did you already know these artificial influencers? Do you have the same questions that I have or do you just think they are a step towards the future? I would also like to know your opinion about this type of influencer so let me know what you think in the comments below. Kisses, kisses, see you soon!








  • Disclaimer: le foto sono state raccolte da diverse sorse internet allo scopo di presentare meglio i personaggi
  • Disclaimer: the photos  were collected from the internet with the purpose of presenting better the characters







Disclaimer:
IT: Questo post non ha scopi commerciali e non incoraggia vendite, denominazioni, immagini ed eventuali link presenti sono solo a scopo informativo.
ENG: This post has no commercial purposes and does not encourage sales, names, pictures and eventual links are present only for an informative purpose.

Thursday, October 10, 2019

Occhi - specchio dell'anima / Eyes - mirror of the soul



Ciao carissimi lettori,
Oggi voglio recensire un prodotto cosmetico mirato che non viene utilizzato da tutte le persone. Il prodotto di cui vi parlerò oggi è Mielexpertise - la crema contorno occhi antietà intensiva, speciale antirughe ridensificante con cuore di Miele e Pluridefence del marchio italiano Bottega Verde. Questo prodotto è un trattamento mirato per la zona contorno occhi, più predisposta alla comparsa dei segni dell'età. Grazie al brevetto Bottega Verde per la combinazione Cuor di Miele e Pluridefence, questo prodotto vanta un'azione antirughe, antiossidante e protettiva. Dai test che l'azienda ha eseguito su 20 volontarie, risulta che la pelle è più levigata e luminosa nei 95% dei casi e rughe ridotte nel 80% dei casi mentre che dai test eseguiti in vitro su colture cellulari risulta un aumento del 22,2% nella sintesi del collagene  e di 28,1% nella sintesi dell'elastina. Il prodotto è stato testato oftalmologicamente. 

Consiglio d'utilizzo: applicare una piccola quantità nella zona contorno occhi massaggiando leggermente fino al completo assorbimento. 

Packaging: un piccolo tubo molto pratico ed elegante contenendo 15 ml di prodotto.

Colore e consistenza: Il prodotto si presenta come una crema fluida bianca che si assorbe facilmente. 

Prezzo: 28,99 € ma è molto spesso disponibile scontato fino al 75%

P.A: 6 mesi

Opinione personale: Io ho acquistato questo prodotto con uno sconto del 75% e l'ho pagato meno di 9 euro. La prima cosa che ho notato utilizzando questo prodotto è stato il profumo molto delicato e piacevole, floreale, fruttato e leggermente dolce come il profumo del miele. La consistenza cremosa e fluida lo rende molto facile da applicare, si assorbe subito e lascia una pelle liscia, profumata e soffice. Non posso testimoniare una riduzione notevole delle rughe intorno agli occhi anche se subito dopo l'applicazione la pelle risulta più levigata. Purtroppo la lista degli ingredienti non è per niente verde , il primo ingrediente è il cyclopentasiloxane è più avanti possiamo notare anche il cyclohexasiloxane, dimethicone, PEG e altre sostanze chimiche. Contiene anche ingredienti pregiati come l'estratto di miele, glicerina, cera e olio di ricino. Sono stata soddisfatta del risultato al livello della pelle e ho apprezzato molto il profumo, dopo aver acquistato questo prodotto ho acquistato anche una crema della linea Mielexpertise. Onestamente se dovessi trovare nuovamente questo prodotto scontato di più del 60% lo ricomprerò, altrimenti a prezzo pieno non ritengo soddisfacente il rapporto qualità (vedi inci) / prezzo pieno. 

PRO: packaging molto pratico, consistenza, profumo, effetto levigato e luminoso 

CONTRO: lista degli ingredienti non bio e prezzo pieno abbastanza alto per la composizione

Conclusione: Consiglio questo prodotto alle persone che usano anche prodotti non bio, che hanno dei problemi di rughe intorno agli occhi o che cercano semplicemente una pelle più luminosa. 


ENGLISH

Hello dear readers,
Today I want to review a cosmetic product designed with a purpose that is not intended for everyone. The product of which I will speak today is Mielexpertise - the intensive anti-aging eye cream, special anti-wrinkle redensifying with Honey and Pluridefence of the Italian brand Bottega Verde. This product is a targeted treatment for the eye contour area, more predisposed to the onset of aging. Thanks to the Bottega Verde patent for Honey and Pluridefence combination, this product boasts an anti-wrinkle, antioxidant and protective action. From the tests carried out by the company on 20 volunteers, it appears that the skin is smoother and brighter in 95% of cases and wrinkles are reduced in 80% of cases, whereas the tests performed in vitro on cell cultures show an increase of 22, 2% in collagen synthesis and 28.1% in elastin synthesis. The product has been ophthalmologically tested.

Recommendation for use: apply a small amount in the eye contour area, massaging lightly until completely absorbed.

Packaging: a very practical and elegant small tube containing 15 ml of product.

Color and consistency: The product looks like a white fluid cream that is easily absorbed.

Price: € 28.99 but is often available discounted up to 75%

P.A: 6 months

Personal opinion: I bought this product with a 75% discount and I paid it less than 9 euros. The first thing I noticed using this product was the very delicate and pleasant perfume, floral, fruity and slightly sweet like the smell of honey. The creamy and fluid consistency makes it very easy to apply, it absorbs immediately and leaves a smooth, fragrant and soft skin. I cannot testify to a noticeable reduction in wrinkles around the eyes even if the skin is smoother immediately after application. Unfortunately, the list of ingredients is not green at all, the first ingredient is cyclopentasiloxane, it is later possible to notice also cyclohexasiloxane, dimethicone, PEG and other chemical substances. It also contains valuable ingredients such as honey extract, glycerin, wax and castor oil. I was satisfied with the result for what skin is concerned and I greatly appreciated the perfume, after buying this product I also bought a cream of the Mielexpertise line. Honestly if I should find this product discounted of more than 60% again I will buy it another time, otherwise at full price I do not consider satisfactory the quality ratio (see inci) / full price.

PRO: very practical packaging, consistency, perfume, smooth and luminous effect

CONS: list of non-organic ingredients and full price high enough for the composition

Conclusion: I recommend this product to people who also use non-organic products, which have wrinkles around the eyes or simply looking for a brighter skin.













Disclaimer e premesse / Disclaimer and premises
IT:Questo post non ha scopi commerciali e non incoraggia vendite, denominazioni, immagini ed eventuali link presenti sono solo a scopo informativo. Le immagini ritraggono un prodotto acquistato regolarmente che ho valutato in quanto consumatore. Questo post è di mia completa creazione per quanto riguarda contenuti, foto e idee espresse. Prima di usare qualsiasi parte di questo post siete pregati di contattarmi e nel caso vi abbia ispirato per altre creazioni, vi chiedo cortesemente di menzionare la fonte.
ENG: This post has no commercial purposes and does not encourage sales, names, pictures and eventual links are present only for an informative purpose. The images depict a regularly purchased product that I have evaluated as a consumer.This post is of my entire creation as for contents, photos and expressed ideas. Before using any part of it, you need to contact me and in case it inspired you for other creations, I gently ask you to mention the source.